Come Eliminare le Tarme dall’Armadio con Metodi Naturali

Aprire l’armadio e trovare i vestiti rosicchiati e rovinati dalle tarme non è una bella sorpresa per nessuno. A quel punto possiamo solo recuperare i vestiti ancora integri e disinfestare l’armadio per evitare nuovi episodi. Ecco cosa fare per eliminare queste scomode bestioline.

Le tarme compaiono nei nostri armadi soprattutto quando dimentichiamo alcuni piccoli accorgimenti nel conservare i vestiti. Innanzitutto l’igiene: prima di conservare i vestiti per il cambio di stagione, lavateli. Poi riponeteli nelle buste di plastica adatte all’uso e munite di cerniera. Le trovate facilmente nei negozi di cose per la casa.

Il più classico rimedio sono le palline di naftalina, che ad oggi sono uno strumento efficace, ma hanno delle controindicazioni. Innanzitutto potrebbero essere molto pericolose se ci sono bambini per casa: potrebbero scambiarle per giocattoli e metterle in bocca, magari ispirati dal celebre “Eta Beta” dei giornaletti di Topolino! Sono tossiche ed è un rischio che va assolutamente evitato. E poi rilasciano quel caratteristico odore che impregna i vestiti.

Un rimedio altrettanto efficace, meno rischioso e più “profumato”, consiste nel distribuire dentro l’armadio sacchettini profumati alla lavanda, anche questi facilmente reperibili nei negozi di articoli per la casa. Se non apprezzate l’odore della lavanda, potete sostituirla con eucalipto, cedro o erbe aromatiche come l’artemisia o la santolina.

Altri odori che le tarme non sopportano, e che potete reperire facilmente in casa, sono quello del pepe, dei chiodi di garofano e delle arance essiccate. Potete preparare voi stessi in casa dei sacchettini con questi ingredienti, o essiccare le arance e poi appenderle con un nastrino all’interno dell’armadio.

Dopo l’invasione di tarme, in ogni caso, è assolutamente indispensabile svuotare completamente l’armadio, lavarlo e disinfettarlo. Se avete una vaporella, fatene buon uso: in questo modo sarete sicuri di avere eliminto tutte le larve.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *