Come Fare un Ombretto Neutro

Ecco qui la guida del secolo per chi vuole truccarsi in modo acqua e sapone, senza esagerare con i colori pop e che vuole più che altro giocare sulle ombre; ecco qui una ricetta semplicissima per realizzare un ombretto partendo dai fiori; oltre ad essere profumato, manterrà la tua palpebra opaca, dato il talco, e non finirà nelle pieghette.

Per iniziare procurati dei fiori secchi, partendo da fiori molto idratati come la rosa, il tulipano, la peonia, il narciso o il bucaneve. Questi fiori li puoi tranquillamente trovare in tutte le erboristerie (si usano per fare bagni aroma-terapeutici) o dai fioristi ben forniti; puoi anche farli seccare tu, magari in mezzo a un libro o semplicemente mettendo i fiori con il fusto tagliato, in un vado basso, posizionato per un mese in un posto secco e asciutto della casa (quindi non in posti umidi come il bagno o la cucina)

Frulla i fiori secchi con del sale grosso in un tritatutto e sposta la polvere (non ancora troppo fine, per il momento) in un colapasta e passa un veloce getto d’acqua, per togliere il sale; trita ulteriormente la polvere, per farla diventare finissima, poi trasferiscila in un colino più fitto e fai passare un altro veloce getto d’acqua. Lascia ad asciugare la polverina un po’ strizzata con le mani su due strati di scottex, sopra il termosifone.

In alternativa al termosifone puoi mettere lo scottex con la polverina umida su una di quelle reti per proteggere dagli schizzi dell’olio quando è caldo e appoggiarlo sulla pentola d’acqua che bolle e fa vapore caldo, aspettando per una mezz’oretta. Una volta completamente asciutto, mescola anche il talco insieme. Adesso il tuo ombretto è praticamente finito, non ti resta che metterlo in una jar se vuoi mantenerlo in polvere, oppure compattarlo usando solo dell’alcool, meglio se bianco e inodore, per non danneggiare il naturale colore e profumo dei fiori.

Alla fine otterrai un ombretto naturale, profumato, bianco traslucido e che si stende benissimo sulla pelle; inoltre è anche un buon opacizzante della palpebra! Date le qualità di questo prodotto, potrai usufruire della tecnica per: prepararne in quantità maggiori, compattarlo in un contenitore con specchietto e usarlo come cipria, meno costosa, naturale, profumata e… opacizzante per ore, dati i fiori che, anche se secchi, mantengono il viso opaco, rosaceo e “vitaminizzato” dato che i fiori hanno sali minerali importanti e che sono un vero toccasana per la pelle!

Se vuoi, invece della cipria in polvere, puoi mescolare la tua polverina opacizzante anche con della crema, magari profumata appunto di fiori, che abbia una buona consistenza cremosa, ma che si asciughi in fretta, per creare una crema colorata; ti basterà aggiungere alla polverina bianca o rosacea, qualche goccia di colorante alimentare che trovi al supermercato, aggiungendo sia giallo che rosso, magari un po’ di blu, fino ad arrivare a un colore adeguato alla tua carnagione!

Puoi sempre colorare il tuo ombretto con del colorante alimentare, per creare tanti colori che, pur non essendo così spettacolari come quelli in commercio, vanno più che bene per chi è alle prime armi col trucco o per chi vorrebbe trovare il colore che più gli sta bene giocando con i colori. Bene, ora hai visto quante sono le possibilità che puoi avere preparando questa polvere opacizzante, naturale, profumata di fiori e sopratutto econonica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *